GRIFO

Pagina

Edito da Lettere Animate

Ebook su Amazon a €1.99 [.mobi]

Ebook su BookRepublic a €1.99 [.epub]

Cartaceo su Amazon a €16.15

Il Re di Grifo è vecchio e stanco. L’Ecclesia è corrotta e sempre più il popolo si volge alla nuova eresia che giunge dal nord.

Irio dei Gastaldi, figlio cadetto del Re, brama il trono e complotta contro il fratello primogenito.

Figli degli Dei vogliono riconquistare il potere perduto. L’eretico Clodoveo Ventonero deve conquistare un regno alla sua fede.

CronoRea e Nineve, assoldati da Irio, muovono eventi che non comprendono appieno, parte pedine e parte giocatori, cercando di scrollarsi di dosso i dubbi e la morale.

Lunghezza stampa: 265

Editore: Lettere Animate Editore

Pubblicazione: 7 luglio 2016

Isbn: 9788868827786

Asin: B01I4FG1VY

Ho voluto scrivere una storia d’avventura in cui i personaggi non fossero né buoni né cattivi, magari anche un po’ persi nella vita, aggrappati ai loro valori ma disposti a rivederli all’occorrenza. Credo che sia venuta fuori una storia leggera ma a volte tragica, divertente ma a volte seria.

grifo-la-mappa-del-regno

Incipit

1. L’uomo dell’Inquisizione

I

Erano alcuni anni ormai che il cuore gl’infuriava in petto mentre saliva al dodicesimo piano. Si concesse una breve sosta, aggrappandosi al bastone, prima di ripartire alla scalata della torre. Anche così sarebbe arrivato in anticipo al Concilium.

Giunto in cima rimuginò per l’ennesima volta sulla propria caparbia. Non poteva certo fingere di essere nel pieno della forza fisica, allora perché si ostinava a svegliarsi quando le allodole ancora tacevano e arrancare da solo per gli innumerevoli gradini che elevavano il Concilium sopra le teste dei comuni mortali?

La stanza circolare era stretta ma raggiungeva i cinquanta piedi di altezza. Guardare in alto gli dava le vertigini ma la vista indugiava raramente sulle travi massicce del soffitto, soffermandosi piuttosto sui rosoni di vetro piombato raffiguranti i Principi Generatori. Vita e Morte, Ordine e Caos osservavano la città di Streio dalla più alta delle sue torri e scrutavano il regno di Grifo determinandone il destino. O meglio solevano farlo quando l’Ecclesia non era minacciata da eresia e corruzione.

Lo scranno che aveva occupato per oltre mezzo secolo al tavolo divino si trovava tra Ordine e Morte, in corrispondenza dell’effige di Iusmet, la Santissima Dea della Giustizia. Era Lei la risposta ai suoi interrogativi, Lei il motivo per cui non osava cedere alla stanchezza. Ogni volta che sentiva le membra infiacchirsi e tremare sotto il peso della vecchiaia la Sua immagine gli dava forza. Non era pronto ad abbandonare il suo incarico, non ancora. Evaldo da Nivefonti, Figlio della Dea Iusmet della Giustizia doveva fare ancora molto per l’Ecclesia. Così sedette al suo posto per riprendere fiato e meditare. Raddrizzò la schiena e assunse l’espressione severa consona al suo ruolo, preparandosi ad affrontare i suoi pari.


Se hai un blog e sei interessato a far uscire una segnalazione/recensione scrivimi a elisa.emiliani.86 [@] gmail.com e ti mando volentieri l’ebook! :)

Recensioni

Su Bostonian Library, grazie Endimione!

Su Ramingo!

Su La biblioteca del libraio, grazie Floriana!

Segnalazioni

Su Claudine Giovannoni, mille grazie sei un tesoro! <3

Una disfida su Infiniti mondi, grazie Andrea!

Segnalazione su Tutta colpa dei libri, grazie Anisa!

Segnalazione su Suitcase di libri, grazie Alice e Valentina!

Segnalazione su Il mercatino dei libri fantasy, grazie Anita!

Segnalazione su Ramingo!, grazie Mendes!

Segnalazione su Peccati di penna, grazie Ornella!

Segnalazione su La bella e il cavaliere, grazie Belle!

Segnalazione su Cinebooksblog, grazie Silvia!

Segnalazione su Fantasy Magazine

Segnalazione su Libri, recensioni & cultura, grazie Luca!


Note doverose – Ringraziamenti

Grifo è ispirato a un gioco di ruolo. In un passato remoto, Rossana venne da me con un foglietto scarabocchiato, entusiasta, raccontandomi di aver avuto un’idea per un’ambientazione.

A quel tempo avevamo giocato a D&D, ma l’idea di Rossana era molto diversa. Così nacque Grifo, un gioco di ruolo narrativo. I personaggi del romanzo sono quelli che giocavamo, quindicenni, in quel di Faenza.

Quindi ringrazio Rossana, che oltre ad aver creato il mondo ha anche giocato Irio; Debora che impersonava Nineve; ovviamente l’immancabile Margherita/Rea e infine Laura che giocava la piccola Linetta. Crono, se ci fossero dubbi, era mio.

Il romanzo l’ho scritto io ma Ilenia si è prestata a infinite revisioni; Rossana ha aggiunto i suoi preziosi tagli di regia; Margherita mi ha aiutato a superare alcuni scogli di trama; Marco ha disegnato una mappa con abnegazione da amanuense. Mia madre mi ha stressato fin quando non l’ho finito, così come mio padre e le mie sorelle. Insomma, sarebbe davvero disonesto da parte mia parlare di Grifo come di un mio romanzo.

È il nostro romanzo, decisamente.