Cose (belle) che normalmente non leggeresti

Standard

Frequentare la #bottegadinarrazione porta a leggere cose (belle) che normalmente non leggeresti. Come, per esempio, ‘Vasi cinesi’ di Andrea Canobbio.

Di tutto il libro (corto) mi ha particolarmente colpito questo passaggio, perché con semplicità mi ha suggerito un’idea nuova, pulita, luminosa anche se un po’ ossessivo-compulsiva. Insomma, perfetta per me!

Vasi cinesi – Canobbio – Grand Hotel Shahàrazad

7. La Mecca, Arabia Saudita. Tra i pellegrini in visita alla pietra nera, nella folla che scorre verso la moschea, Claudio ha notato un bianco. Vorrebbe scantonare, ma non riesce a evitarlo. “La mia colpa è la gelosia. C’è chi non sopporta gli sguardi della gente su di sé; io non sopporto gli sguardi della gente sulle cose. Non sono mai stato geloso, nel senso tradizionale della parola, non ho mai sofferto se qualcuno riusciva a possedere qualcosa che era stato mio o che avrei voluto che fosse mio. Ciò che mi faceva male, era qualcosa di più: lo sguardo della gente sulle cose, il semplice posarsi degli occhi sul mondo. Appena ho scoperto qualcosa di mai visto (nel senso proprio), ho capito la differenza. Vedevo per primo e le cose non avevano ancora addosso quella patina di polvere, quella pellicola opaca che le avvolge quando troppi occhi sono scivolati su di loro. Vedevo per primo, e le cose brillavano ancora, come se il mio sguardo le illuminasse, come cristalli colpiti da raggi di luce. Ho iniziato a cercare le cose nascoste, e, abituandomi a viverci in mezzo, ritornare nel mondo di tutti diventava sempre più difficile. Sempre più difficile diventava trovare le cose mai viste: sguardi di occhi, telescopi, cineprese, macchine fotografiche, telecamere, attraversavano l’aria intorno. Giravo per il mondo per non essere costretto a dividere per più di un giorno le stesse cose, logore e sfiorite, con gli altri. Finché non sono arrivato in quest’oasi: ogni mattina il panorama si rinnova, le dune di sabbia cambiano forma con il vento, scrollandosi di dosso il peso degli sguardi dei beduini, e di quei pochi turisti svogliati che passano di qui”. Claudio lo interrompe: “Perché mi costringi ad ascoltare la tua storia?”. L’altro risponde: “Perché spero di liberarmi di lei raccontandola a te, spero di trasmetterti un po’ della mia angoscia, un po’ della sua persecuzione”.

Rispondi/Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...