HMS Coral ~ 12 ~ Bloccato col solitario?

Standard

L’arco aperto sulla porta della sala da pranzo catturò l’attenzione del dottor Smith. Sospese un momento il solitario di carte serale.

Guardò il secondo arco che, più lontano, intramezzava il corridoio. Inclinò il capo appena verso destra, come una lancetta che avesse battuto un minuto. Nel riportarsi sulle dodici, fissò gli archi scorrere sovrapponendosi in parte. Lo ripeté più lentamente un’altra volta. Immagini doppie che non combaciano per la proiezione della distanza e per il movimento dell’osservatore.

Petersen, che gli era seduto accanto, sollevò un sopracciglio dal fumo della pipa olandese:

<< Bloccato col solitario? >>

<< Ecco, >> provò a spiegarlo << guardi gli archi delle porte là avanti. E’ un sistema semplice, poche misure sono sufficienti a descrivere due archi, poche variabili separano il loro quasi perfetto combaciare. Una trasformazione geometrica nello spazio può senza dubbio spiegare il fenomeno e prevederne il disegno da una diversa angolazione. >>

L’olandese annuì, le proiezioni di prospettiva gli erano molto familiari nel suo mestiere.

Smith proseguì:

<< Ma il sistema delle correnti e del clima è molto, molto più complesso. L’idea impossibile di descrivere tutte le variabili e trovare le giuste equazioni è…impossibile, umanamente fallimentare. Sto cercando la maniera di semplificarlo, senza perdere troppo, di spiegarne le linee fondamentali. >>

<< Dottor Smith… >>

<< Sì, Signor Petersen? >>

<< Domani scenderemo a terra. Porterà con sé tutti i suoi scritti nell’accampamento? Io sono ancora incerto se portare tutto o meno. Dicono che la nave durante i lavori sarà inaccessibile per le nostre cabine, rovesciata sul fianco, ma anche che sarà sempre più al sicuro dalla pioggia e dai topi rispetto alle tende. >>

<< Pensavo di lasciare a bordo il trattato di geologia, nello stipetto a muro avvolto in un pezzo di cerata. L’ho quasi finito, sarebbe un peccato farmelo mangiare dai topi. >>

Petersen di risposta lo guardò con aria ironica e interrogativa. Sapeva quanta noia era costata a Smith quel trattato.
L’amico lasciò cadere a faccia in giù la carta del solitario e stette al gioco:

<< Si immagini poi se me lo dimentico a terra! Cosa racconterò a Sua Maestà la Regina? “Mangiato dai topi…” >>
<< E non erano nemmeno topi inglesi imbarcati a Plymouth, per dio! >>
<< Eh, e cosa racconterà lei in patria se torna con un mucchio di carte bagnate? >>
<< Beh, sa… i disegni a penna tanto erano per suo trattato di geologia eh eh! E gli altri anche se si annacquano più che acquerelli non possono diventare! >>

Rispondi/Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...