HMS Coral ~ 10 ~ Acqua dolce

Standard

Il dottor Smith si tolse gli occhiali. Si strofinò le orbite indolenzite. Ripose le pagine del trattato di geologia nel cassetto dello scrittoio. Il dovere è sbrigato. Ora poteva riprendere a pensare, da dove era rimasto, dalle stime delle correnti del ciclone che avevano attraversato.

Quando riprendeva il suo lavoro intellettuale, stringeva gli occhi come chi si protegge dal sole per guardare lontano. Non si accorgeva della propria bocca farsi seria, la postura irrigidirsi con la tensione della mente.

<< Buonasera signor Smith. >> era il Capitano alla porta della cabina

<< Buonasera Capitano, prego entri. >>

<< Oggi abbiamo aria! Non si è fatto vedere molto fuori ultimamente. Speriamo continui a tirare questo vento anche domani. Pioverà anche, credo, viste quelle nuvole blu a cui stiamo andando incontro. >>

Smith, sensibile alle richieste di previsione del tempo, suppose però che l’argomento fosse dovuto alla consuetudine marinara di discutere dell’atmosfera, una maniera abituale di parlare del più e del meno, perciò rispose:

<< Sì, hanno l’aria di voler piovere quelle nuvole. Bene, abbiamo bisogno di racimolare acqua dolce. >>

<< Ne abbiamo un gran bisogno. Sì, un gran bisogno. Negli ultimi tempi abbiamo preso più acqua salata da sotto >> sottolineò battendo due volte lo stivale << che acqua dolce da sopra. >>

<< Vuole dire che non sono ancora riusciti a finire di riparare i danni della tempesta? >>

<< Mettono le toppe. Ma in navigazione, pensare di riparare lo scafo è come cercare di bendarsi le ferite nuotando. >>

Il dottore intanto si era alzato a prelevare la bottiglia di wisky e due dei quattro bicchieri di vetro ingabbiati nello stesso stipetto di legno alla parete.

Con un brindisi accennato e il primo sorso alla regina, il Capitano si arrivò al punto:  << Dovremo trovare un approdo su queste coste. Riparare la nave e rifornirci di acqua dolce. >>

<< Certo… certamente. >>

<< Domattina, se il vento tiene, saremo abbastanza vicini al continente per iniziare le osservazioni della costa. La aspetto sul ponte. >> sottinteso, all’alba. << Buonanotte dottor Smith. >>

<< Buonanotte Capitano, a domani >>.

Le osservazioni della costa, un accampamento a terra. Quanti grattacapi. Aveva appena digerito la sensazione di essere sopravvisuto alla tempesta.

Rinunciò a rivisitare il suo lavoro matematico, per quella sera, e si dovette girare e rigirare nella cuccetta per prendere sonno.

Rispondi/Reply

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...