Letteratura e senso comune

Facebook – https://www.facebook.com/thid.7

Instagram – https://www.instagram.com/elisa.emiliani.86/

Youtube – https://www.youtube.com/channel/UCse2p5Uh5LqnXGdSg9X2m3A?view_as=subscriber

Website – http://www.elisaemiliani.it/blog/

 

 

 

E COSÌ, DOPO MOLTO SCRIVERE, HO FIRMATO UN CONTRATTO DI EDIZIONE CON ZONA42

http://www.elisaemiliani.it/2018/10/10/e-cosi-dopo-molto-scrivere-ho-firmato-un-contratto-di-edizione-con-zona42/


Dopo un anno di attesa, è successo tutto molto in fretta. Zona42 aveva Cenere in lettura da settembre. 2017. C’era stata qualche telefonata, qualche like su Facebook, ma sinceramente non ci stavo più neanche pensando quando mi hanno chiamata, poche settimane fa.

La cosa è andata più o meno così:

Finalmente anche il mio socio ha letto Cenere.

suspance, cerco di far finta di niente mentre la mia testa urla E QUINDI?? GLI E’ PIACIUTO O NO?? DIMMELO SUBITOOOOO

Gli è piaciuto, vorremmo pubblicarlo l’anno prossimo.

Mancamento.

Vorremmo vederti, per parlare e capire se ti interessa quello che vogliamo proporti.

Fantastico, dico io, pensavo di venire a Stranimondi, ci possiamo vedere lì.

Ehm, fa lui, veramente pensavamo di vederci prima. A Stranimondi vorremmo annunciare l’uscita.

CHE COSAAAAAA??

E così, dopo un anno di attesa, nell’arco di due settimane ho conosciuto Giorgio e Marco di Zona42, ricominciato a lavorare furiosamente sul romanzo, sono entrata a Stranimondi (con un accredito O__o”), ho cercato di non svenire parlando di Cenere davanti a 50 persone, dopo scrittori come Ian McDonald e Alessandro Vietti. Di quella presentazione mi ricordo il sorriso bellissimo di un ragazzo seduto in prima fila, i videogiochi vintage in fondo alla sala, l’orologio rotto (il tempo si era letteralmente fermato) e altri dettagli sparsi.

Giorgio (Zona42) ha presentato Cenere come una storia di amicizia, ordinaria desolazione e resistenza. Sinceramente, non posso che concordare. Poi toccava a me parlare e credo di aver detto qualcosa tipo:

L’idea della storia è nata quando mi sono chiesta come avremmo reagito, le mie amiche di scuola ed io, se fosse arrivato qualcosa di brutto, e pericoloso, a livello politico e sociale, a sconvolgere la nostra cittadina di provincia.

L’ambientazione invece viene dalle lunghe conversazioni con un’amica (innaffiate da abbondante “gin-schifo”, un cocktail di nostra fabbricazione, ma questo non l’ho detto), che all’epoca si interessava di programmazione e privacy informatica. Una di quelle persone che ti convince a mettere un cerotto sulla telecamera del computer. Le nostre conversazioni vertevano su questo: si dice che il controllo governativo non crei problemi a chi non ha niente da nascondere, e può anche essere vero, finché il governo è democratico. Ma mettiamo che invece venga intercettato tutto quello che si dice, e che si scrive, e che al governo ci sia un regime, per dire.

Da questi due elementi, credo di aver detto, con sollievo ma temendo di aver fatto un discorso intricato e incomprensibile, è nato il romanzo.

Poi ho seguito altre presentazioni, un incontro super interessante sulla fantascienza cinese, conosciuto bella gente, assorbito belle energie, firmato il contratto… e poi tornata a casa, con un regionale lentissimo che mi ha permesso di finire Trigger Warning di Gaiman.

da un numero sconosciuto

Ieri ho ricevuto una telefonata, da un numero sconosciuto. Ho risposto un po’ per caso, anche perché stavo camminando da un ufficio all’altro. Ho risposto e ho fatto bene, perché al telefono c’era un editore (ancora non voglio dirvi quale, anticipo solo che è serio, piccolo ma arriva in libreria, e soprattutto è iper specializzato in fantascienza) che mi diceva di voler pubblicare Cenere.

Non era la prima volta che lo sentivo (ma evidentemente sono così svampita da non aver salvato il numero!), su suo consiglio avevo già aggiunto 100.000 battute al libro e modificato pezzi di trama.

Ma non era affatto scontato che poi lo volesse pubblicare. E invece domenica lo vado a trovare, lui e il suo socio, e sento cosa mi dicono!

Auguratemi buona fortuna gente!! :D:D

ps l’immagine del post si spiegherà se leggerete il libro hihihi

il mondo parallelo dell’adolescenza

Mi ha colpito come possono colpire le prese di coscienza improvvise, quel momento di gestalt in cui i pezzi di un mosaico che nemmeno pensavi essere un mosaico improvvisamente s’incastrano.

L’adolescenza è la mia ossessione, che ritorna sempre nelle storie che scrivo, che cerco senza nemmeno essere consapevole nelle storie che leggo, nelle serie tv che guardo, nel lavoro che faccio.

L’adolescenza, perché ha una caratteristica che rispecchia perfettamente il mio “codice psicologico” (nella mia personalissima concezione, l’equivalente immateriale del codice genetico): l’adolescenza è incastrata tra due mondi, quindi è essa stessa un mondo parallelo, che a livello narrativo si può declinare e modellare e manipolare.

Da quando ho pensato questa roba qui… mi è venuta un’idea di trama che potrebbe anche essere interessante… chissà :)